La musica mancò

TRAMA

Da dieci anni Angelo vive da solo con il suo fedele amico e servo Idiozio. La sua solitudine lo ha portato alla follia e all’ossessione per Musiica, sua storica amata.
Angelo rapisce Musiica e suo marito Pietro accorre a salvarla. Nel breve scontro con Pietro, Angelo ha la peggio e decide di rivolgersi alla voce nella sua testa, che lui crede essere Dio.

L’entità si rivela essere Lucifero, che si impossessa del corpo di Idiozio e lega indissolubilmente la sua anima a quella di Angelo, donandogli poteri soprannaturali.
Lo scopo di Lucifero è quello di sfruttare Angelo come un burattino per estendere il proprio dominio sul mondo intero, tuttavia Angelo vuole unicamente conquistare Musiica.

CREDITI

drammaturgia originale di Matteo Chenna

regia Matteo Chenna, Lorenzo Pancaldi

con
Matteo Chenna – Mente 1
Lorenzo Pancaldi – Mente 2

consulenza drammaturgica prof. Fabio Nicolicchia

aiuto regia Erica Argiolu
scenografie Susanna Sanseverino
sound design e musiche Valerio Pancaldi
light design Matteo Chenna
luci Anna Ravera
fonica Valerio Pancaldi
direttore di scena Jacopo Croce
scenografi realizzzatori Susanna Sanseverino, Sofia Kociolek, Lorenzo Pancaldi, Erica Müller
attrezzisti Susanna Sanseverino, Sofia Kociolek

foto di scena Fabrizio Lombardi
trailer e video Marta Faggi

responsabile area produzione Erica Müller
responsabile area allestimenti Niccolò di Molfetta
responsabile area comunicazione Anna Ravera
responsabile area programmazione Erica Argiolu
responsabile area amministrazione Isabella Sacchetto